News

Franceschini a Mosca

La grammatica del soffio, versione per corno di bassetto ed ensemble, di Matteo Franceschini, verrà eseguita in prima assoluta in Russia.
Quando 17/09/2014
dalle 19:00 alle 20:30
Dove Mosca
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

 

La grammatica del soffio, versione per corno di bassetto ed ensemble, di Matteo Franceschini, verrà presentata in prima assoluta  in Russia il 17 settembre, nell’ambito del Moscow Forum Festival. Michele Marelli, corno di bassetto e lo Studio for New Music ensemble, eseguiranno la composizione sotto la direzione di Igor Dronov, nella Rachmaninov Hall del Conservatorio di Mosca.

 

 

Ulteriori informazioni su questo evento…

Fabio Vacchi - settembre 2014

Settembre ricco di importanti esecuzioni per Fabio Vacchi.
Quando dal 06/09/2014 alle 20:00
al 30/09/2014 alle 23:00
Dove Vicenza, Torino, Milano ,Bari
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

Settembre ricco di importanti esecuzioni per Fabio Vacchi.

Iniziando con la prima assoluta di Love’s Geometries, un lavoro commissionato dal progetto Culture All,  eseguita il 6 settembre nel Teatro Olimpico di Vicenza dall’Orchestra dell’Università degli Studi di Milano diretta da John Axelrod, si prosegue con il portrait che l’edizione 2014 del festival MITO SettembreMusica gli dedica. Gli appuntamenti sono numerosi e vari: il 12 (a Torino) e 13 (a Milano) settembre l’mdi ensemble eseguirà Luoghi immaginari per 9 strumenti e Orna buio ciel per violino violoncello e pianoforte mentre il melologo Prospero, o dell’armonia per attore (per l’occasione Sandro Lombardi) e orchestra sarà eseguito dalla Filarmonica del 900 del Teatro Regio diretta dal giovane ungherese Gergely Madaras il 15 (Torino) e 16 settembre (Milano). I brani per grande orchestra Dai calanchi di Sabbiuno, Tagebuch der Empörung e Veglia Prima saranno invece affidati all’interpretazione di Beat Furrer (l’altro protagonista del focus di MITO) a capo dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI in concerti a Torino e Milano rispettivamente il 17 e 18 settembre.  Segnaliamo che Tagebuch der Empörung  sarà una prima esecuzione italiana. Completeranno il focus di MITO due incontri (11 a Milano e 12 settembre a Torino) in cui il pubblico del festival avrà l’occasione di incontrare Fabio Vacchi, assieme al direttore artistico del festival Enzo Restagno.
Un nuovo lavoro verrà infine eseguito il 30 settembre a Bari: Il bordo vertiginoso delle cose,melologo per due voci recitanti e orchestra da un testo di Gianrico Carofiglio. John Axelrod dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, presso il quale Vacchi è composer in residence.

 

 

 

Ulteriori informazioni su questo evento…

Silvia Colasanti

A Silvia Colasanti il Premio Enriquez Città di Sirolo.
Quando 30/08/2014
dalle 21:30 alle 23:00
Dove Sirolo
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

Silvia Colasanti è la vincitrice della X edizione del Premio Enriquez Città di Sirolo per la Categoria Musica Classica Sez. Teatro Musicale. La composizione premiata è l’opera per bambini Il sole, di chi è? su testo di Roberto Piumini. La cerimonia ufficiale di consegna del premio si terrà a Sirolo, in Provincia di Ancona il 30 agosto 2014 presso il Teatro Comunale Cortesi di Sirolo.

Luci mie traditrici a Göteborg

Luci mie traditrici di Salvatore Sciarrino verrà rappresentata per la prima volta in Svezia.
Quando dal 14/08/2014 alle 19:00
al 16/08/2014 alle 20:30
Dove Göteborg
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

Luci mie traditrici di Salvatore Sciarrino, verrà rappresentata per la prima volta in Svezia il 14 agosto (con repliche il 15 e 16 agosto), al MusikTeaterVerket di Göteborg, nell’ambito del GöteborgOperans Lilla Scen. L’opera verrà eseguita dal Gageego Ensemble diretto da Rei Munakata. La regia è di Ola Beskow.

Ulteriori informazioni su questo evento…

Rossini Opera Festival 2014

Le edizioni critiche di Rossini. La storia, il ROF.
Quando dal 10/08/2014 alle 20:00
al 22/08/2014 alle 23:00
Dove Pesaro
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

L’inizio della monumentale edizione critica delle opere di Gioachino Rossini comincia agli inizi del 1970, da parte della Fondazione Rossini di Pesaro in collaborazione con Casa Ricordi. La pubblicazione di ogni partitura è preceduta e accompagnata da uno studio accurato della prassi compositiva dell'autore e di quella esecutiva dei suoi primi interpreti, oltre che da una catalogazione approfondita delle fonti. Ciò ha permesso la ricostruzione della versione ‘autentica’ (cioè voluta o controllata dall'autore) dei vari lavori. Questo lavoro minuzioso ha permesso di riscoprire alcuni titoli (nel tempo andati perduti) e di riconoscere la centralità, nella produzione teatrale di Rossini, delle opere serie e ancor più quelle del periodo napoletano.
L'edizione critica, quindi, rende possibile l'esecuzione delle varie versioni autentiche e, con un apposito apparato, informa di tutti i problemi testuali e delle relative soluzioni proposte. Tutto questo materiale filologico, messo a disposizione dei direttori d’orchestra e dei cantanti, ha portato negli ultimi vent’anni a un considerevole aumento di esecuzioni del repertorio rossiniano, anche nei teatri più prestigiosi del mondo.
A Pesaro, negli anni ’80 è nato il Rossini Opera Festival, voluto dalla municipalità e dedicato alle musiche di Gioachino Rossini. Avvalendosi della collaborazione scientifica della Fondazione Rossini, ogni anno il ROF presenta la prima assoluta di almeno un titolo in edizioni critiche.
Dopo aver rappresentato, negli anni scorsi, le prime tre opere serie di Rossini, Ciro in Babilonia, Demetrio e Polibio, Tancredi,  l’edizione 2014 del Rossini Opera Festival (10 - 22 agosto) offre al pubblico la nuova edizione critica di Aureliano in Palmira. Will Crutchfield, nel doppio ruolo di curatore dell’edizione e di direttore d’orchestra, dirigerà il 12 agosto l’Orchestra Sinfonica G. Rossini al Teatro Rossini.  La regia è di Mario Martone.
Composto per il Teatro alla Scala di Milano, su libretto di Felice Romani,  Aureliano in Palmira (unica opera di Rossini scritta per un castrato: il famoso Giovanni Battista Velluti, interprete del ruolo di Arsace) ebbe il suo battesimo il 26 dicembre 1813. Rispetto a Tancredi, Aureliano in Palmira è un’opera «classica», più complessa e articolata sia dal punto di vista delle peripezie dei protagonisti che delle strutture musicali voluminose: tutto ci parla di un’opera grande, ambiziosa, nuova.
Al ROF, il 15 agosto, verrà anche presentata la prima assoluta di Le Sei Sonate a quattro, composte da Rossini nel 1804 per un curioso quartetto d’archi, comprendente 2 violini, violoncello e contrabbasso. L’edizione della Fondazione Rossini, curata da Matteo Guggioli, presenta un testo ricostruito a partire dalla copia autografata da Rossini, custodita alla Library of Congress di Washington. L’esecuzione del ROF vedrà protagonisti Salvatore Accardo e Laura Gorna (Vl I e Vl II), Cecilia Radic (violoncello), Franco Petracchi (contrabbasso).

Ulteriori informazioni su questo evento…