News

Giovanni Battista Pergolesi: Il prigionier superbo Giovanni Battista Pergolesi: Il prigionier superbo

Postato da Ricordi 18 dicembre 2017

Basato sulla rielaborazione di un vecchio libretto anonimo di Francesco Silvani (1705), La fede tradita e vendicata, il dramma serio Il prigionier superbo di Giovanni Battista Pergolesi fu presentato al Teatro di San Bartolomeo in Napoli il 5 settembre 1733. Si trattava del lavoro di un giovane compositore che nel giro di pochi mesi aveva già raccolto i primi e importanti successi nei teatri, nelle chiese e presso le famiglie dell’aristocrazia napoletana. Con Il prigionier superbo, Pergolesi si accostava a un soggetto teatrale fortunato, la cui vitalità era assicurata dal drammatico conflitto tra amor filiale e amore coniugale, che si manifesta nella scena centrale dell’opera. Tra gli atti del dramma serio furono rappresentati gli intermezzi La serva padrona, il cui travolgente successo sarebbe diventato, di lì a poco, fenomeno europeo.

Fonte principale dell’edizione è una copia della partitura conservata al Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, redatta da Giuseppe Sigismondo che ebbe a disposizione, molto probabilmente, il perduto manoscritto autografo di Pergolesi. Oltre che alla fonte principale, l’edizione attinge a due altre copie della partitura, conservate rispettivamente presso la Biblioteca Oratoriana dei Girolamini e il Conservatorio di Napoli, e a un certo numero di arie estratte manoscritte.
L’edizione critica è corredata da un’Introduzione storica, che ripercorre le vicende del soggetto drammatico e illustra le circostanze della commissione, della genesi, della rappresentazione e della fortuna dell’opera, e da un Apparato critico con le note al testo verbale e musicale. Due appendici contengono una prima stesura dell’ultimo movimento della Sinfonia e un’aria aggiuntiva per il terzo atto, il cui testo non figura nel libretto a stampa.



Giovanni Battista Pergolesi Il prigionier superbo

Edizione Nazionale delle opere di Giovanni Battista Pergolesi 
(Casa Ricordi in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi)
Edizione critica a cura di Claudio Toscani
NR 141514



Didascalia immagine: Napoli, Biblioteca del conservatorio di musica “san pietro a majella”, rari 7.6.9, c. 1r. prima pagina della partitura copiata da Giuseppe Sigismondo, probabilmente dall’originale manoscritto autografo del Prigionier superbo. La copia non riproduce i recitativi secchi.




acquistalo qui


 

Torna indietro
  • Condividi