Giovanni Battista Pergolesi – Edizione Critica

Pergolesi banner

Edizione Nazionale delle Opere di Giovanni Battista Pergolesi
Pubblicata da Casa Ricordi in collaborazione con la Fondazione Pergolesi-Spontini (Jesi) e il Centro Studi Pergolesi (Università degli Studi di Milano)
Direttore dell'Edizione:
Claudio Toscani

Partitura:
volumi in cartonato, 20 x 27 cm (Introduzione Storica e commento critico in italiano e inglese)
Riduzione per canto e pianoforte:
volumi in brossura, 20 x 27 cm (Introduzione Storica e commento critico in italiano e inglese)

L’eccezionale fama postuma che caratterizzò Giovanni Battista Pergolesi rese immortale la figura storica del musicista jesino, ma al tempo stesso finì per distorcere profondamente la sua opera. La fortuna europea della musica di Pergolesi determinò infatti, sin dal Settecento, una richiesta abnorme di sue composizioni che editori e copisti senza scrupoli poterono soddisfare solo scrivendo il suo nome su musica di altri autori. La produzione del compositore venne così artificialmente moltiplicata.

Solo in tempi relativamente recenti la ricerca ha compiuto passi decisivi per liberare il corpus dell’opera pergolesiana dall’ingombrante superfetazione delle false attribuzioni. A partire dagli anni Cinquanta del Novecento Frank Walker, Charles Cudworth, Helmut Hucke, Francesco Degrada e altri hanno dimostrato la falsità di molte attribuzioni pergolesiane, promuovendo la riscoperta di importanti lavori autentici sino a quel momento ignorati. Gli studi condotti sulle fonti hanno permesso di identificare con precisione la grafia e il modus operandi di Pergolesi e, nel complesso, di ridimensionare quindi il numero delle composizioni attribuibili con certezza al musicista jesino. Coronando gli sforzi di quella generazione di studiosi, nel 1986 le case editrici Pendragon e Ricordi avviarono congiuntamente l’edizione delle opere di Pergolesi (The Complete Works), ma dopo che furono dati alle stampe i primi quattro volumi, tra il 1986 e il 1994, l’edizione si interruppe.

L’idea di riprendere e portare a termine l’iniziativa, impostandola su nuove basi e ispirandosi a criteri di rigore scientifico e praticità d’uso, è nata in seno al Comitato pergolesiano della Fondazione Pergolesi-Spontini (Jesi), che in occasione del tricentenario della nascita del compositore deliberò di dare attuazione a un progetto tenacemente coltivato e già solidamente impostato da Francesco Degrada. L’iniziativa si configura come lo sbocco naturale per il lavoro degli studiosi che negli anni più recenti hanno approntato per la Fondazione Pergolesi Spontini e per Casa Ricordi, con criteri rigorosi, diverse partiture d’uso criticamente rivedute e utilizzate nelle varie edizioni del Festival pergolesiano.

L’Edizione Nazionale delle Opere di Giovanni Battista Pergolesi è stata istituita, su proposta della Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La commissione scientifica che ha curato la definizione dei criteri editoriali si avvale della collaborazione del Centro Studi Pergolesi – centro interdipartimentale di ricerca sorto nel 2008 presso l’Università degli Studi di Milano – per la documentazione e le attività di supporto scientifico.


Titoli disponibili

I. Drammi per musica

Il prigionier superbo (1733)
A cura di Claudio Toscani (2017)
Un volume: partitura e commento critico incluso pp. I-LXXXII, 1-275
NR 141514
Riduzione canto e pianoforte
CP 141516

II. Commedie per musica

Il Flaminio (1735)
A cura di Ivano Bettin (2019)
Due volumi: partitura e commento critico incluso pp. I-CI, 1-456
NR 141985
Riduzione canto e pianoforte
CP 141987

IV. Oratorio e Dramma sacro

La fenice sul rogo, ovvero La morte di S. Giuseppe (1731)
A cura di Alessandro Monga e Davide Verga (2013)
Un volume: partitura e commento critico incluso pp. I-LXXXV, 1-159
NR 140739
Riduzione canto e pianoforte
CP 140741

V. Messe

Messa in Re maggiore (1731?)
A cura di Claudio Bacciagaluppi (2015)
Un volume: partitura e commento critico incluso pp. I-LXV, 1-145
NR 141194
Riduzione canto e pianoforte
CP 141196

VII. Sequenze

Stabat Mater
A cura di Claudio Toscani (2012)
Un volume: partitura e commento critico incluso pp. I-LXXVII, 1-76
NR 139699
Riduzione canto e pianoforte
CP 141117


In preparazione

I. Drammi per musica

La Salustia (1732)
Adriano in Siria (1734)
L'olimpiade (1735)

II. Commedie per musica

Lo frate 'nnamorato (1732)

III. Intermezzi

La serva padrona (1733)
La contadina astuta / Livietta e Tracollo (1734)

IV. Oratorio e Dramma sacro

Li prodigi della divina grazia nella conversione e morte di San Guglielmo Duca d'Aquitania (1731)

V. Messe

Messa in Fa maggiore (“Missa S. Emidio”) (1732?)

VI. Salmi, mottetti, antifone

Deus in adjutorium (Domine ad adjuvandum me)
Dixit Dominus
Confitebor tibi, Domine
Laudate pueri Dominum
Dignas laudes resonemus
In coelestibus regnis
Salve Regina in La minore
Salve Regina in Do minore

VIII. Cantate

Questo è il piano, questo è il rio (1731)
Dalla città vicino
Dalsigre, ahi mia Dalsigre
Chi non ode e chi non vede
Luce degli occhi miei
Nel chiuso centro

IX. Musica strumentale

Concerto in Si bemolle maggiore per violino, archi, bc
Sinfonia (Sonata) in Fa maggiore per violoncello e bc
2 Sonate per organo

X. Opere dubbie

XI. Catalogo Tematico

XII. Testi letterari